La Pinza della Nonna Gina

Per la sera del Panevin o per il pranzo del giorno dell’Epifania la nonna era solita preparare la Pinza il dolce tipico della fine del periodo natalizio qui da noi … come al mio solito io ne avevo voglia già a Natale e, invece di aspettare la 1. settimana di Gennaio come si dovrebbe, l’ho preparata per il cenone di Capodanno.

Ho rivisitato la ricetta cambiando un paio di cose, ma è venuta comunque molto buona e similissima a quella che mangiavo da piccina!! Fatemi sapere se vi piace.

Mi sono scordata di fotografarla per cui Beccatevi una foto di me da piccina a passeggio con i Nonni …

Passeggiata con i Nonni

Ingredienti:
200 gr farina gialla
1 lt acqua
1 cucchiaio da cucina di pasta madre (la nonna usava il lievito di birra che io non avevo)
450 gr zucca lessa
60 gr pinoli
160 gr uva passa
8 fichi secchi (i miei erano sotto rum)
230 gr ca farina integrale
2 cucchiai olio di riso (la nonna metteva la margarina)
100 gr zucchero
1 bicchierino di rum (la nonna ovviamente metteva la grappa)

Esecuzione:

Innanzi tutto preparare la polenta con la farina gialla ed acqua e lasciarla intiepidire;
Lessare la zucca tagliata a cubetti, con una forchetta sminuzzare la zucca ancora tiepida e scioglierci dentro la pasta madre;
Rinvenire l’uvetta in acqua tiepida;
Tagliare a fettine i fichi.
Mescolare assieme la polenta con la zucca, aggiungere i pinoli, l’uvetta, i pezzetti di fichi, l’olio, lo zucchero, unire infine la farina integrale a cucchiaiate fino ad ottenere un impasto molto morbido (potrebbe servirvi un po’ di più o di meno farina). Versare l’impasto ottenuto in una teglia bassa e cuocere per ca un’ora a 190 °C.
Lasciar freddare completamente la pinza prima di servirla, se riuscite a prepararla il giorno prima sarà ancora più gustosa.

print